Un ambulatorio per il pavimento pelvico

0
87
Dr_ssa Jessica Li Gobbi

Sempre più negli ultimi anni si sente parlare di pavimento pelvico.

Si tratta di un traguardo importante che sembra mettere in evidenza la salute delle donne, a discapito dei tabù che per anni ne hanno ostacolato il benessere. Questa complessa ed importantissima regione del corpo, difatti, caratterizzata da muscoli (e non solo) sotto il nostro controllo, partecipa a funzioni di fondamentale importanza, la cui compromissione può inficiare fortemente la qualità di vita delle donne.

QUALI PATOLOGIE È POSSIBILE TRATTARE?

L’incontinenza urinaria è la problematica con maggiore incidenza (in Italia si stima colpisca il 60% della popolazione, maggiormente le donne) e che riscontra certi benefici dal percorso riabilitativo. Questo è anche una valida alternativa negli stadi iniziali del prolasso, nel dolore pelvico, nelle disfunzioni urinarie e fecali (tra cui incontinenza fecale e di gas, o la stipsi).

CHI SONO I SOGGETTI PIÙ A RISCHIO?

Sicuramente la gravidanza e il parto rappresentano dei momenti di enorme stress per il pavimento pelvico, sia per il peso maggiore che si trova a fronteggiare che per le modificazioni posturali e i fenomeni del parto. Eventuali lacerazioni ed episiotomie, o parti operativi sono aggravanti. La menopausa, per le variazioni ormonali e la maturazione dei tessuti, è un altro momento estremamente delicato. A ciò si sommano gli interventi chirurgici uro-ginecologici e proctologici, infezioni recidivanti e lo sport, nella fattispecie quello che sollecita fortemente la muscolatura addominale o che costringe il perineo (come ciclismo o equitazione). Ovviamente esistono anche altri fattori, come l’elevato peso corporeo o abitudini scorrete che, giorno dopo giorno, indeboliscono la salute della pelvi.

COSA FARE IN PRESENZA DI SINTOMI O FATTORI DI RISCHIO?

La possibilità di una consulenza si rivela uno strumento prezioso: questa difatti può essere organizzata in relazione alla necessità di ogni singola donna.

E’ fondamentale sottoporsi ad almeno una visita pelvica eseguita dallo specialista, perché si possano apprendere delle basi preventive per evitare l’insorgere di disfunzioni. In caso queste siano già presenti, il colloquio verte a conoscere se la Riabilitazione può rivelarsi efficace, ed eventualmente a pianificare un programma terapeutico.

COME FUNZIONA L’ITER TERAPEUTICO?

Nonostante ci siano delle “tappe obbligatorie” è impensabile trattare ogni donna allo stesso modo. Il percorso è personalizzato e prevede una moltitudine di strumenti per modificare lo stile di vita, favorire la consapevolezza e il controllo pelvico e lavorare sul sintomo fino al suo alleviamento, o preferibilmente alla sua scomparsa. Questo avviene generalmente attraverso delle sedute ambulatoriali, con o senza l’ausilio di macchinari, a cui si affianca la possibilità di percorsi di gruppo. Ha un grande valore il rapporto terapeutico, l’esserci sempre, garantendo continuità ed intimità nel trattare una sfera tanto delicata.

Dr.ssa Jessica Li Gobbi
Ostetrica, specialista in Riabilitazione del Pavimento Pelvico

A Terni la Dott.ssa Jessica Li Gobbi riceve presso
lo Studio Medico Anteo in via L. Radice, 19
e presso lo Studio in via del Rivo, 110
Info e prenotazioni:
393 0924006 – jessicaligo91@live.com

LASCIA UN COMMENTO