Osteopatia in Gravidanza

0
118
Osteopatia in Gravidanza

“L’osteopatia è un metodo terapeutico, olistico di cura-prevenzione fondato  su una conoscenza precisa della fisiologia e dell’anatomia del corpo  umano. Utilizza le mani come strumento di diagnosi per evidenziare le  disfunzioni e l’assenza di mobilità dei tessuti che comportano un’alterazione dell’equilibrio generale dell’individuo.”

Possono beneficiare del trattamento osteopatico neonati, bambini, giovani e anziani, ovvero persone di qualsiasi età e impegnate in ogni tipo di professione.
Il trattamento manipolativo osteopatico può ridurre il dolore, migliorare l’abilità della persona nello svolgimento delle attività abituali e incrementare lo stato di salute.
Inoltre l’osteopatia può essere molto utile in altre condizioni quali:
lombalgia, cervicalgia, dolori vertebrali, ernia del disco, sciatalgia, problemi posturali derivanti da scorrette posizioni lavorative o dalla gravidanza, traumi da sport, cefalea ed emicrania, otiti, vertigini, sinusiti, stipsi, gastriti, sindrome del tunnel carpale, dolori mestruali e altre problematiche ancora.

Perché ci si rivolge ad un osteopata in gravidanza?
L’Osteopatia è una terapia dolce che aiuta ad alleviare alcuni dei dolori associati ai cambiamenti della donna durante la gravidanza (cambio di postura, aumento del peso, alterata circolazione, cambiamenti viscerali) quali:

• mal di schiena, lombalgia
• sciatalgia
• difficoltà nella respirazione
• problemi digestivi e bruciori di stomaco
• difficoltà nel transito intestinale e costipazione
• dolori alle gambe
• problemi circolatori agli arti inferiori
• dolori alla cervicale
• mal di testa
• mobilità del sacro
• reflusso gastrico
• infezioni del tratto urinario
• vaginite o dolore durante i rapporti sessuali

L’Osteopatia aiuta la mamma a prepararsi al parto.
Nel caso in cui, per esempio, si è reduci di un trauma pelvico, si possono avere ripercussioni sulla meccanica del parto.

Per esempio:
• un trauma al coccige
• una frattura pelvica o lussazione
• conseguenze di un incidente d’auto
• una cicatrice dell’episiotomia o cesareo
• cicatrici all’addome

Con un lavoro specifico, il trattamento osteopatico assicura la corretta mobilità articolare del bacino, della colonna lombare, dell’osso sacro, della sinfisi pubica ovvero di tutte quelle strutture che sono coinvolte al momento del parto.
I trattamenti osteopatici non costituiscono un pericolo né per la mamma né per il feto ma sono un valido aiuto per le sofferenze che si possono incontrare. Il trattamento osteopatico non deve essere interpretato come un eccesso di medicalizzazione ma come prevenzione soprattutto se si interviene fin dai primi mesi; inoltre è consigliabile che la madre ed il bambino vengano trattati anche per qualche seduta dopo il parto per un esame strutturale.

Marzia Martellotti
Osteopata D.O.

 

LASCIA UN COMMENTO