Centro Salute Donna – Terni, nuovo mammografo con tomosintesi

0
22
inaugurazione nuovo mammogragofo

AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA DI TERNI

Il Centro Salute Donna è un polo di alto livello tecnologico strumentale e professionale, al cui interno si possono trovare tutte le prestazioni, con modalità personalizzate di presa in carico ed accesso unico e semplificato al percorso di prevenzione, diagnosi e cura delle patologie femminili. Nel Centro si integrano infatti le competenze e le professionalità dell’Azienda ospedaliera di Terni per evitare la frammentazione nell’erogazione delle prestazioni e conseguire un alto profilo di efficienza e qualità.

I percorsi sono dedicati alla valutazione clinico strumentale di I livello ed alla mammografia clinica ed interventistica proprie del II e III livello, alla senologia, alla prevenzione dei tumori al collo dell’utero, alla ginecologia, alla urologia, alla endocrino-chirurgia e alla chirurgia plastica e ricostruttiva. Nel Centro Salute Donna sono presenti le volontarie dell’Associazione TerniXTerni Donna.

L’attività è supportata da tecnologia altamente innovativa che comprende un ecografo digitale di ultima generazione, un eco-elasto-sonografo, sala di senologia interventistica con sistema ottimale di ricerca delle piccole lesioni con stereotassi digitale e tavolo dedicato. Inoltre, l’8marzo 2018, nel giorno della festa della donna, il Centro si è arricchito di un nuovo mammografo di ultima generazione con tomosintesi donato dalla Fondazione Carit e dalla Fondazione Aiutiamoli a vivere Ong – Terni x Terni anch’io.

Il nuovo mammografo digitale con tomosintesi.
La mammografia allo stato attuale è il gold standard nella diagnosi precoce del tumore del seno e rappresenta l’esame di riferimento nei programmi di screening. In particolare, il mammografo 3D con tomosintesi donato dalla Fondazione Carit e dalla Fondazione Aiutiamoli a Vivere Ong. è una tecnologia digitale di ultimissima generazione, la migliore attualmente disponibile sul mercato, che consente di acquisire le immagini da diverse angolature e ricostruirle, tramite un apposito software, per visualizzarle in 3D. Con questa tecnica è infatti possibile studiare la mammella anche nella terza dimensione (la profondità) e individuare lesioni che ora sfuggono alla mammografia digitale tradizionale in particolare in donne più giovani con alta densità mammaria. In altre parole, un miglior risultato diagnostico e una diagnosi sempre più precisa, a parità di dose di radiazioni erogate e addirittura con una lieve riduzione della compressione, che riduce il numero dei falsi positivi e di conseguenza la ripetizione dell’indagine o l’esecuzione di ulteriori approfondimenti diagnostici che possono generare inutilmente ansia nelle donne.

Maurizio Dal Maso - Catiuscia Marini - Raffaele Nevi
Maurizio Dal Maso – Catiuscia Marini – Raffaele Nevi

L’inaugurazione del nuovo mammogragofo.
Anche la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini ha partecipato all’inaugurazione del nuovo mammografo donato dalla Terni x Terni anch’io, oltre che alla presentazione dei dati di attività 2017 del Centro Salute Donna, dove è stato centralizzato anche il percorso senologico della Breast Unit.

All’evento sono intervenuti oltre alla governatrice dell’Umbria, il direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Terni Maurizio Dal Maso, i presidenti della Fondazione CARIT, Luigi Carlini, e della Fondazione Aiutiamoli a Vivere – Terni x Terni anch’io, Fabrizio Pacifici, il prefetto di Terni Paolo De Biagi, il presidente dell’ordine dei medici Giuseppe Donzelli e il dottor Alessandro Sanguinetti che ha illustrato i dati di attività 2017 del Centro Salute Donna e Breast Unit.

Grazie alla città di Terni.
“Anche per questo nuovo importante traguardo – sottolinea Fabrizio Pacifici, presidente dell’associazione Terni x Terni anch’io della Fondazione Aiutiamoli a vivere – ringraziamo la Fondazione Carit e naturalmente i citttadini di Terni per la fiducia che dimostrano nei confronti della nostra associazione, consapevoli che ogni sforzo e ogni risparmio affidatoci viene restituito alla città nell’ottica del miglioramento dei servizi, in sinergia con l’Azienda ospedaliera”.

La Breast Unit.
Inaugurato sei anni fa, nel Centro Salute Donna è stato istituito anche il percorso della Breast Unit, che concentra in un’unica sede l’iter di diagnosi e trattamento della donna con tumore al seno, coordinando attività diagnostica e clinica di II e III livello, radiologia interventistica e trattamento chirurgico e plastico-ricostruttivo fino alla riabilitazione psicofunzionale.

Percorso senologico
L’attività di prevenzione del tumore mammario, di pertinenza della Usl Umbria 2, è realizzata in rete per tutte le donne della provincia: nel Centro Salute Donna si trovano gli ambulatori di riferimento allo Screening Mammografico e all’attività diagnostica e clinica di II e III livello.

Diagnostica interventistica. Per tutte le donne positive o dubbie allo screening e per le donne che presentino problemi alla mammella sono previsti approfondimenti diagnostici attraverso il ricorso a percorsi personalizzati.
Nell’ambulatorio polispecialistico, con accesso programmato per fasce ed orari, le donne potranno fruire dell’approccio integrato fra chirurghi senologi, oncologi, radioterapisti, psicologi, medici nucleari e specialisti della riabilitazione. In caso di necessità, ulteriori accertamenti di II livello sono eseguiti nello stesso centro attraverso prelievo citologico cellulare (stereotassi digitale) e prelievo istologico di Frustolo di tessuto (Mammotome).

Trattamento chirurgico. Viene garantita la terapia chirurgica di tutte le forme di carcinoma mammario: ampie exeresi, localizzazioni stereotassiche e radioisotopiche delle lesioni non palpabili, dissezioni ascellari, biopsia del linfonodo sentinella, exeresi atipiche e mastectomie (radicali e skin-sparing). Vengono garantite la ricostruzione dermoghiandolare nelle quadrantectomie, la simmetrizzazione, la ricostruzione immediata e/o differita (con espansori, protesi, tatuaggio areolare, ecc.) e anche il trattamento delle sindromi malformative congenite e acquisite che esulano dal campo della pura estetica e cosmesi. Il trattamento demolitivo senza ricostruzione verrà espletato in regime di degenza breve, la dimissione è protetta dalla consegna di una lettera al medico curante dettagliata e di una lettera infermieristica dedicata contenente indicazioni pratiche sulla medicazione e dalla possibilità di un contatto telefonico cellulare di uno dei componenti dell’équipe senologica di riferimento aziendale.

Fabrizio Pacifici e Alessandro Sanguinetti
Fabrizio Pacifici e Alessandro Sanguinetti

I dati 2017 del Centro Salute Donna.
In occasione dell’inaugurazione del nuovo mammografo, il responsabile del Centro Salute Donna, dottor Alessandro Sanguinetti ha illustrato le prestazioni eseguite nel 2017 al Centro Salute Donna: 3301 mammografie, 304 ecografie, 669 agobiopsie e più di 314 mammotome, le visite R.A.O. con esame clinico-strumentale della mammella sono state 1894, un migliaio di visite senologiche, cui si aggiungono 16 visite e 69 medicazioni di chirurgia plastica, con una casistica operatoria, sempre in riferimento alla Breast Unit, di 290 interventi di cui 203 per carcinoma della mammella (prima diagnosi).

Al di fuori del percorso senologico il Centro Salute Donna ha registrato: 728 ecografie tiroidee e 181 visite endocrinologiche di cui 16 chirurgiche, 107 visite neuro radiologiche, 164 visite urologiche, 1047 MOC, 198 visite per disfunzioni del pavimento pelvico, 1086 visite ginecologiche, 2196 e ecografie articolare-muscoloscheletriche e 81 infiltrazioni articolari.

LASCIA UN COMMENTO